Archivi categoria: Web 2.0

Nuovo look a pietroiusti.net

Con oggi si da inizio a a un ridisegno del blog adottando un tema appena uscito che prende spunto dalle nuove pagine profilo di Facebook.
Il tema è stato realizzato da un bravo web designer italiano, JuliusDesign, che lo ha realizzato poche ore dopo l’annuncio delle novità di Facebook.
Spero di completare il lavoro nelle prossime ore!

Lo Spam tocca i livelli minimi dal 2008

Media_httprwwreadwrit_btoap

Interessante articolo da Read Write Web sulla diminuzione dello spam rispetto ai livelli di qualche anno fa.
Effettivamente qualche miglioramento, nel mio piccolo, l’avevo notato anch’io, così come lo spostamento degli oggetti delle mail di spam verso altri temi diversi da quelli “farmaceutici”.
Vale la pena leggere l’articolo originale nel link.

Posted via email from astruso’s posterous

Pietroiusti.net diventa mobile!

Una delle tendenze del momento nel web è sicuramente quella di rendere i contenuti pubblicati facilmente fruibili dai telefoni cellulari o smartphone, come si usa definire oggi i terminali dotati di schermi più grandi e funzionalità per accedere a internet, pubblicare foto e filmati e altre ancora.

La rapida e costante diffusione che questi stanno avendo negli ultimi tempi fa sì che i creatori di contenuti provino a renderli più facili e accessibili anche a chi consulta il web in mobilità.

Si stanno quindi diffondendo degli appositi plugin per le diverse piattaforme di pubblicazione di blog che consentono di creare una versione mobile del sito, in automatico, riconoscibile sulla base del tipo di browser che accede alle pagine.

Ho voluto sperimentare, nel mio piccolo, uno di questi plugin proprio per questo sito, ricorrendo a uno dei più diffusi per la piattaforma WordPress, il framework su cui poggia pietroiusti.net.

Si tratta di WPtouch, un’estensione dedicata in particolare al cellulare di casa Apple, l’Iphone, ma non solo, essendo comunque adatta a creare pagine consultabili anche da altri browser mobili, tipo Opera Mini.

Ho preparato, quindi, un breve video in cui illustro l’installazione del plugin e di alcune caratteristiche di configurazione ed infine il risultato che si raggiunge quando si accede con un Iphone o Ipod.

Buona visione e, nel caso utilizziate anche voi uno dei plugin per rendere mobile il vostro blog, potete lasciare un commento per uno scambio di idee.


WPtouch from Astruso on Vimeo.

Soluto – Un’illustrazione pratica di funzionamento

A completamento di quanto illustrato nel precedente articolo, ecco una rappresentazione pratica del funzionamento di Soluto.
Sembrerebbe molto accessibile anche per un utente medio di pc e potrebbe veramente rappresentare la soluzione alle frustrazioni degli avvii lenti di Windows !

Posted via web from astruso’s posterous

Soluto – Un software contro le frustrazioni degli utenti di Windows

Interessante prodotto realizzato da una start up israeliana che consentirebbe di diminuire i tempi di avvio di Windows, semplicemente analizzando quali sono i software che si caricano all’avvio del sistema operativo e dando, quindi, all’utilizzatore la possibilità di decidere quali sono da caricarsi e quali no.
In questa intervista rilasciata al tech blogger Robert Scoble viene ben spiegato come ciò avviene.
A mio avviso merita un test.

Posted via web from astruso’s posterous

LinkedIn raccoglie altri 22,7 Milioni di dollari da SAP, Goldman Sachs e McGraw Hill

L’ormai conosciuto anche in Italia social network, LinkedIn, orientato alle relazioni d’affari, ha annunciato di avere incrementato il proprio capitale di altri 22,7 milioni di dollari grazie all’investimento operato da SAP, Goldman Sachs e McGraw Hill insieme al già presente investitore Bessemer Venture Partners che aveva agevolato lo start-up della società.

L’investimento si è basato su una valutazione della società di ben un miliardo di dollari e complessivamente ammonta a una cifra poco sopra i 100 milioni di dollari.

Tale operazione si è conclusa circa un mese fa, prima del tracollo dei mercati e sicuramente ha rappresentato una manna dal cielo, visti i tempi difficili che si prospettano anche per un’azienda che conta tra i suo numeri 370 dipendenti e una crescita dei ricavi del 100% all’anno e che dal 2006 ha generato profitti.

LinkedIn è sicuramente un servizio web interessante, focalizzato sulle relazioni d’affari a differenza di altri social network più generalisti e ludici.

E oltretutto dimostra che è possibile realizzare aziende che fanno utili su Internet quando c’è un business plan ben definito.

Ubiquity: un’estensione di firefox che cambierà il browser

Mozilla Labs ha annunciato qualche giorno fa l’avvio di un progetto, naturalmente open source, che nelle loro intenzioni dovrebbe rendere molto più amichevole l’utilizzo del browser per tutta una serie di attività che, attualmente, richiederebbero all’utente tutta una serie di passaggi manuali e conoscenze nell’utilizzo dei diversi servizi web che rientrano nella voce dei cosidetti mashups.

Poniamo il caso che si voglia organizzare una pizzata con alcuni amici presso un locale che nessuno di noi abbia ancora frequentato.

Questo implica una ricerca sul web per individuare il locale, una ricerca sulla mappa per trovare la sua collocazione, l’apertura poi del servizio di posta per preparare l’email da mandare agli amici incollando i vari riferimenti e la mappa che sono stati in precedenza trovati.

Ubiquity, nelle intenzioni di Mozilla Labs, automatizzerà in buona parte il processo evitando all’utente molte attività, semplicemente attraverso l’evidenziazione dei testi scritti ad esempio nell’email e richiedendo la ricerca dei link o delle posizioni sulla mappa, restituendo il risultato direttamente nel messaggio che si sta scrivendo.

Il video, in inglese, che segue è sicuramente molto esplicativo delle potenzialità del progetto.

Ubiquity è stato rilasciato in versione prototipale 0.1 con il relativo tutorial.

Il mio Wordcamp

Ormai penso che anche i sassi (e non mi riferisco a quelli di Matera…) sappiano che sabato 10 maggio si sia tenuto a Milano il primo Wordcamp europeo e italiano ufficiale, con la prestigiosa presenza dell’inventore, peraltro giovanissimo, della piattaforma software per i blog, WordPress, Matt Mullenweg.

A conferenze e convegni sono stato decine di volte, ma mai mi era capitato di partecipare a una non-conferenza o conversazione dal basso, come qualche volta viene definita, che sono appunto i barcamp.

In definitiva è stata una bella esperienza, ben organizzata dai responsabili del supporto italiano di WordPress, in primis l’iperattivo Wolly, che hanno saputo ben collocare l’evento all’interno di uno spazio verde quale è il Parco Sempione di Milano che ha agevolato, anche grazie al bel tempo, gli spazi di socializzazione nel contesto dell’evento stesso.

Io, da neofita quale sono, mi sono limitato ad ascoltare i diversi interventi, ma, se vogliamo, ho dato il mio contributo facendo intervenire al camp, nel tardo pomeriggio, il famoso web publisher italiano Robin Good, che si trovava già a Milano per altri motivi.

E’ stata, quindi, anche l’occasione per conoscere dal vivo uno dei personaggi del web italiano che seguo da un certo tempo e con il quale avevo finora scambiato solo qualche battuta su Skype o durante le sue famose trasmissioni dal vivo.

Non ho scattato foto, come hanno fatto tanti altri, mi sono limitato a riprendere qualche fase della giornata grazie al servizio di Qik, che ha usato anche Robin per la sua

intervista a Matt.

Per riflettere sul futuro prossimo

Riporto un filmato educativo che affronta il tema dell’educazione scolastica per i giovani che cresceranno nel 21° secolo. Molto interessante a mio avviso e che fa riflettere su come sarà diversa la società in futuro rispetto a oggi.

In ogni caso, anche se ritengo assolutamente importante la conoscenza dei mezzi di comunicazione, penso che comunque la conoscenza del mezzo in sè non costituisca valore aggiunto in assoluto.

Le nuove tecnologie devono essere un ausilio allo sviluppo culturale di una persona, ma non devono diventare il focus principale.

Saper usare una cazzuola lo sanno in tanti, capire perchè un arco sta in piedi già un po’ meno.

In futuro continuerà ad essere così. Chi saprà di più si distinguerà sempre di più…

Si può approfondire il discorso sul sito ufficiale di chi ha realizzato il filmato.